Email Marketing e Profilazione: dati e strategie di personalizzazione - Qapla' Blog
Share:

Email marketing e profilazione: strategie di personalizzazione

L’email marketing è uno dei canali più usati in ambito eCommerce per mantenere attivo il dialogo con i propri clienti e prospect ma solo con adeguate strategie di profilazione degli utenti e di personalizzazione dei contenuti si possono ottenere risultati significativi, che abbiano un riscontro sul proprio business online, oltre ad evitare di diventare ripetitivi o molesti nei confronti del proprio pubblico. 

Leggiamo in questo articolo: 

Qapla' CRM Marketing Masterclass

La rubrica dedicata alla strategia CRM per eCommerce

Elisabetta Bruno

CEO & Founder, Think:able
Scopri Think:able

I numeri di business

Tassi di Clic e Apertura

Le campagne di email marketing mostrano una percentuale media di clic dell’1,40% nel 2023. 

Seguendo approcci mirati, come la segmentazione, è possibile notare un incremento significativo: le email segmentate, infatti, registrano un aumento del 30% nelle aperture e del 50% nei clic rispetto a quelle non segmentate, confermando la segmentazione come una leva potentissima nell’engagement degli utenti.

  • La percentuale di clic media per le email inviate ai clienti Constant Contact è dell’1,40% (Constant Contact, 2023). 
  • Gli esperti di marketing riferiscono che le email segmentate generano il 30% in più di aperture e il 50% in più di clic rispetto a quelle non segmentate (Rapporto sullo stato del marketing, HubSpot, 2023). 
  • La percentuale di clic è la metrica numero uno utilizzata dagli esperti di marketing per monitorare il successo delle loro campagne di email marketing (Rapporto sullo stato del marketing, HubSpot, 2023). 

Impatto dell'Intelligenza Artificiale Generativa

L’impiego dell’intelligenza artificiale generativa nella creazione di contenuti email si sta dimostrando estremamente fruttuoso. Il 95% dei marketer che la utilizza la considera efficace, con oltre la metà che la definisce “molto efficace“. Questo strumento non solo facilita la creazione di contenuti, ma si rivela cruciale per ottimizzare le strategie di personalizzazione.

  • Il 95% dei professionisti del marketing che utilizzano l’intelligenza artificiale generativa per la creazione di email la valuta come “efficace” e il 54% la considera “molto efficace” (Rapporto HubSpot State of Generative AI, 2023). 
  • Il 43% dei professionisti del marketing che utilizzano l’intelligenza artificiale generativa afferma che è molto utile per creare testi di posta elettronica (HubSpot State of Generative AI Report, 2023). 
  • L’utilizzo dei nomi dei clienti nel testo delle email è la strategia più comune utilizzata dagli esperti di marketing per personalizzare le proprie email di marketing (MailJet, 2023). 
  • Il 47% dei destinatari di posta elettronica afferma di aprire un’email solo in base all’oggetto e il 69% contrassegna un’email come spam solo in base all’oggetto (OptinMonster, 2023). 

Personalizzazione e Segmentazione

L’uso dei nomi dei clienti nel testo dell’email è una pratica comune e apprezzata per aumentare la personalizzazione. Inoltre, il 78% dei professionisti del marketing afferma che la segmentazione degli iscritti è la strategia più efficace. Ciò è avallato dal fatto che il 64% personalizza le email per segmento, mirando a massimizzare la rilevanza e l’engagement. Ricapitolando: 

  • Le email segmentate generano il 30% in più di aperture e il 50% in più di clic rispetto a quelle non segmentate (Rapporto sullo stato del marketing di HubSpot , 2023). 
  • Il 78% dei professionisti del marketing riferisce che la segmentazione degli abbonati è la strategia più efficace utilizzata per le campagne di email marketing (HubSpot State of Marketing Report, 2023).
  • Il 64% dei professionisti del marketing personalizza le proprie email per segmento (Constant Contact, 2023). 
Email marketing: strategie di profilazione e personalizzazione - Qapla' Blog

Tendenze e Comportamenti degli Utenti

Nonostante l’alta frequenza di utilizzo, il 59% degli utenti ritiene che la maggior parte delle email ricevute non sia utile, evidenziando la necessità di un maggiore focus sulla qualità e la pertinenza dei contenuti inviati.

Questo è supportato dal dato che troppe email sono il motivo principale di cancellazione delle iscrizioni. Interessante notare come il picco di engagement si registri tra le 9:00 e mezzogiorno, sottolineando l’importanza di tempistiche ottimali per l’invio. Ecco quindi i dati di cui tener conto: 

  • Il 59% degli americani afferma che la maggior parte delle email che riceve non gli sono utili (Edison Mail, 2023). 
  • Ricevere troppe email è il motivo per cui i consumatori annullano l’iscrizione (Gartner, 2022). 
  • Il 40% degli utenti di posta elettronica ha almeno 50 messaggi non letti nella propria casella di posta (MailButler, 2023). 
  • Il numero di utenti di posta elettronica globali ha raggiunto 4,26 miliardi nel 2022 e si prevede che crescerà fino a 4,73 miliardi entro il 2026 (Statista, 2022). 
  • Il 22% dei professionisti del marketing invia due o tre email di marketing al giorno e il 21% invia email giornaliere (HubSpot Research, 2023). 
  • Gli esperti di marketing riferiscono che le loro email raggiungono i tassi di coinvolgimento più elevati tra le 9:00 e mezzogiorno (HubSpot Research, 2023). 

 

Utilizzo Mobile

Con il 41% delle visualizzazioni email e il 75% delle visualizzazioni su Gmail provenienti da dispositivi mobili, è imperativo adottare un design responsive o mobile-first. Questo approccio non solo migliora l’esperienza utente, ma garantisce anche una maggiore efficacia delle campagne di marketing via email.

 

  • Il 41% delle visualizzazioni di posta elettronica e il 75% delle visualizzazioni di posta elettronica degli utenti Gmail provengono da dispositivi mobili (MailButler , 2023). 
  • Il 35% degli esperti di email marketing utilizza un processo di progettazione mobile-first o mobile-responsive (Cartina di tornasole, 2023).
segmentazione pubblico per strategie di personalizzazione nell'email marketing - Qapla' Blog

La personalizzazione della comunicazione si configura come una strategia fondamentale non solo per incrementare l’engagement dei clienti, ma anche per potenziare l’efficacia delle campagne di email marketing, accrescere il fatturato e sviluppare relazioni più profonde e significative con il proprio pubblico. Attraverso la personalizzazione è possibile forgiare messaggi che colpiscono nel segno, rispondendo direttamente alle esigenze, ai desideri e alle preferenze di ciascun cliente, trasformando così le comunicazioni generiche in esperienze uniche e mirate.

Strategie per la Personalizzazione della Comunicazione:

  • Contenuto Dinamico: L’implementazione di tecnologie che consentono l’inserimento di contenuti dinamici nelle comunicazioni è cruciale. Ad esempio, email che variano a seconda del destinatario che le visualizza possono includere prodotti consigliati, offerte speciali basate su acquisti precedenti o messaggi di benvenuto personalizzati. Questo è possibile con l’editor Qapla’ per le email di aggiornamento sulla spedizione.
  • Analisi Approfondita dei Dati del Cliente: È essenziale sfruttare i dati raccolti tramite il CRM per decifrare le preferenze, il comportamento d’acquisto e le interazioni passate di ciascun cliente. Questo comprende l’analisi demografica, lo storico degli acquisti, le risposte a precedenti campagne e ogni altro dato che possa risultare rilevante.
  • Test e Ottimizzazione: Realizzare test A/B e analizzare le performance per ottimizzare e affinare continuamente le strategie di personalizzazione è cruciale. Questo processo aiuta a identificare le tattiche più efficaci per diversi segmenti di pubblico e a migliorare l’efficacia complessiva delle comunicazioni.
  • Segmentazione del Pubblico: Dividere il proprio pubblico in segmenti omogenei basandosi su criteri quali età, posizione geografica, interessi, comportamenti di acquisto e fase del ciclo di vita del cliente, permette di creare messaggi che sono più pertinenti per ogni gruppo target.
  • Trigger Basati sul Comportamento: È utile attivare comunicazioni automatiche in risposta ad azioni specifiche del cliente, come l’abbandono del carrello, la registrazione al sito o il completamento di un acquisto. Questi messaggi, essendo estremamente pertinenti, incrementano significativamente le possibilità di conversione.
Attraverso una comunicazione personalizzata, le aziende non solo sono in grado di aumentare le vendite e il coinvolgimento, ma anche di instaurare una lealtà duratura con i clienti, distinguendosi efficacemente in un mercato altamente competitivo. La chiave del successo risiede nell’utilizzo sapiente dei dati e delle tecnologie a disposizione per creare esperienze di comunicazione che siano non solo rilevanti e tempestive, ma soprattutto calibrate su misura per ciascun individuo.

© Blog Qapla’, Riproduzione riservata

Share:
Scopri altri contenuti dal nostro Blog...