eCommerce Italia
Share:

eCommerce in italia ancora in crescita

L'eCommerce in Italia è ancora in crescita per n. di imprese e di addetti: leggi i dati della Cam. di Comm. di Milano-Brianza aggiornati al I trim. 2018

Secondo l’ultima elaborazione della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi sui dati del registro delle imprese al primo trimestre 2018, l’eCommerce in Italia continua a macinare buoni risultati e a mantenere un confortante trend di crescita. Rispetto allo stesso periodo del 2017, si registra a livello nazionale un aumento nel numero di imprese attive nel commercio online (pure player e non) del 9,3%, passando da 15.950 a 17.432. Ecco tutti i dati riassunti da Qapla’, per voi.

Contano ognuna più di 1000 imprese che vendono online, in ordine decrescente, Lombardia (3.142, +9,1%), Campania (2.205, +14,7%), Lazio (1.989, +9,2%), Emilia Romagna (1.288, +5,9%), Piemonte (1.228, +5%), Veneto (1.201, +6,4%), Toscana (1.161, +8,1%), Puglia (1.106, +8,8%) e Sicilia (1.087, +12,5%). Ad avere una crescita superiore alla media nazionale del +9,3% e dunque a recuperare un po’ di terreno sulle altre regioni rispetto all’anno scorso sono la Liguria (+17,6%), l’Abruzzo (+13,4%) e le regioni del Sud (escludendo Basilicata e Sardegna e per poco la Puglia, già comunque molto attiva in questo settore): in ordine, Campania (+14,7%), Sicilia (+12,7%), Calabria (+11,4%) e Molise (+9,8%). Relativamente, non fiorisce, invece, l’eCommerce in Basilicata, Friuli Venezia Giulia, Marche, Sardegna, Trentino Alto Adige, Umbria e Valle d’Aosta (non consideriamo degno di nota l’aumento del 25% di aziende valdostane essendo passate solo da 16 a 20 unità ma essendo diminuite del 25% in 5 anni).

ecommerce-italia-regioni
Numero di aziende che vendono online su dati registro imprese al I trimestre 2018 – 2017 – 2013 (in giallo: prime 3 regioni per numero attuale di aziende; in arancio: regioni con variazione 2018/2017 > media nazionale)

Sempre secondo questo report, l’eCommerce in Italia, relativamente agli impieghi generati da queste aziende conteggiate finora (non tutto l’indotto che può comprendere corrieri, aziende di servizi e altro ancora), dà lavoro a 25.682 persone. Come ci si può aspettare, le regioni con più addetti nel settore sono le 3 con il maggior numero di imprese eCommerce, quindi la Lombardia con il 22,7%, la Campania con l’11,3% e il Lazio con il 10,5%, ma, più sorprendentemente, scopriamo che il 10,3% del totale nazionale è impiegato nelle 266 imprese dell’Umbria, il che significa che queste sono relativamente grandi. Se guardiamo al numero di imprese per città, Roma è la prima (1.523 sedi) precedendo Milano (1.378), Napoli(1.283) e Torino (700). Per quanto riguarda invece il numero di addetti totale, Milano ne conta quasi 4 mila seguita a lunga distanza da Perugia (2.563), Roma (2.231) e Napoli (1.770). Dunque, a Milano sono presenti aziende eCommerce più grandi che impiegano più persone.

La ricerca rileva anche quante di questi eCommerce con sede nel nostro Paese sono però in mano a imprenditori stranieri: la media nazionale è del 9,6% e le città dove gli eCommerce stranieri sono più presenti sono Imperia (ben il 33%), Trieste (26,9%), Teramo (21,3%), Gorizia (20,7%) e Fermo (20,7%).

province-imprese-ecommerce

La crescita dell’eCommerce italiano risulta particolarmente impressionante se consideriamo la variazione nell’ultimo quinquennio: + 68,1 % per quanto riguarda il numero di imprese a livello nazionale. In alcune regioni, come si può vedere dalla prima tabella, il fermento nel settore delle vendite online è stato tale da raddoppiarne il numero nel periodo 2013-2018 (solo la Valle d’Aosta ha subito una diminuzione).

In conclusione, possiamo affermare che continuano ad aprire nuovi store online più o meno in tutta la penisola e si continua dunque a respirare ottimismo in questo settore, ancora giovane e in via di sviluppo nel nostro Paese e con margini di crescita.

Fonte:

Comunicato Stampa 23/08/18, Camera di Commercio Milano Monza Brianza Lodi

http://www.milomb.camcom.it/documents/10157/36489304/commercio-online-comunicato-stampa-23-08-2018.pdf/7b4b0565-7af4-4d45-8fb3-a1cedfa48671
Share: