metodi di pagamento
Share:

Metodi di Pagamento per eCommerce: cosa favorisce le vendite?

Ecco i criteri e casi pratici da tener presente nella scelta del metodo di pagamento da adottare per il proprio store online. Un breve focus anche sull'esempio di Addon Payments.

Il digital retail è ormai una modalità di acquisto sempre più diffusa e, insieme alle strategie di marketing online su larga scala, ha contribuito a definire l’agenda mondiale dello shopping online, scandita da alcune date fatidiche: Novembre con il Black Friday seguito dal Cyber Monday; il sabato prima di natale con il Super Saturday e ovviamente, Natale. Queste date sono fondamentali non solo per chi acquista, ma anche per i merchant, che dovranno essere pronti a gestire milioni di transazioni e fare in modo che il numero di carrelli abbandonati sia il più basso possibile. Essenziale è quindi la scelta dei metodi di pagamento più opportuni per il proprio store. Vediamoli insieme in questo articolo di Qapla.

Rendere invisibile la fase di pagamento e rassicurare l’utente

pagamento-ecommerce

Non possiamo negarlo, le nostre abitudini di consumo si modificano al passo con le innovazioni tecnologiche. Oggi ogni bisogno d’acquisto può essere soddisfatto; e sempre più in sicurezza e comodità. I consumatori hanno ormai integrato alla perfezione tutte le opportunità che un acquisto online porta con sé e adesso la vera sfida è raffinare e rendere fluida, se non quasi impercettibile, l’ultima agognata fase del funnel di acquisto: il pagamento online.

Il 90% degli acquisti su store online vengono effettuati da web shopper, ovvero quei clienti che effettuano almeno un acquisto all’anno. Si tratta quindi di clienti di ritorno, nella maggior parte dei casi fidelizzati al brand e quindi di estremo valore per un’azienda.
Questa è un’ottima ragione per prendersi cura di ogni dettaglio e fare in modo che i vostri clienti si sentano sempre al sicuro e rilassati quando effettuano un acquisto dal vostro eCommerce.

Metodi di pagamento online, come scegliere quello giusto?

Quando ci si trova a dover scegliere quali metodi di pagamento implementare all’interno del proprio eCommerce, si possono effettuare scelte che potrebbero compromettere il rapporto di fiducia instaurato con i propri consumatori e la propria reputazione sul mercato. È necessario un vero e proprio esercizio di immedesimazione per cercare di capire a fondo le necessità, anche emotive, dei propri clienti e aumentare l’affidabilità e la reputation del proprio brand.

– Rispettare le abitudini dell’utente

Proporre una varietà di metodi di pagamento è una buona scelta. Ogni utente ha le proprie abitudini ed è giusto fornire a tutti la modalità preferita per effettuare i propri acquisti.

In Italia i più diffusi (secondo i dati della ricerca Casaleggio Associati, 2019) sono:

  • il pagamento con carta di credito (26%);
  • digital wallet (come Alipay o Google Wallet) o piattaforme di pagamento digitale (22%), dette anche gateway di pagamento (come PayPal);
  • bonifico bancario (21%);
  • pagamento alla consegna, detto anche contrassegno, o cash-on-delivery, ancora molto diffuso, specialmente al Sud Italia (19%).
metodi-di-pagamento-ecommerce

– Aumentare la propria brand reputation

Mostrare i loghi dei relativi metodi di pagamento può sembrare superfluo, ma gli utenti ci tengono ad avere una constante riprova della sicurezza del metodo di pagamento e un logo rende tutto più istituzionale.

– Nuove strategie connesse all’acquisto online

Esistono nuove strategie che si concentrano su questa delicata fase del rapporto merchantconsumer che si stanno già facendo strada nel mondo del retail digitale, ad esempio alcune tra le piattaforme più famose hanno attivato la possibilità di addebitare il pagamento sulla propria carta di credito solo in caso non venga effettuato il reso del prodotto, questo crea nel consumatore una sicurezza in più: pagare solo per ciò che realmente soddisfa, evitando acquisti inutili e attese di rimborso!

Molto interessante è la grande novità già presente su diversi siti eCommerce, ma ora introdotta in Italia anche da Amazon: il pagamento a rate (leggi qui la news).

– Rassicurare e suggerire il cliente, rendere la fase di acquisto un’opportunità di vendita

Guidare il consumatore passo passo nella fase di acquisto è la mossa giusta per evitare l’abbandono del carrello. Personalizzare le pagine di pagamento, facendo in modo che siano coordinate con la vostra brand identity è ottimale per evitare lo smarrimento che l’utente prova quando si ritrova ad inserire i propri dati di pagamento in un anonimo form. Inoltre, questo spazio può essere un’ottima occasione per introdurre azioni di marketing, rilanciare offerte su prodotti precedentemente visionati o correlati potrebbe indurre l’utente a effettuare un’ultima aggiunta al carrello prima di finalizzare l’acquisto.

Come gestire le vendite online al meglio: l’esempio di “Addon Payments”

Tutto queste attività sembrano molte e quasi impossibili da gestire, ci soni tanti dettagli ai quali è necessario prestare la dovuta attenzione.

È in gioco la salute del vostro business e la paura di non essere all’altezza può vedervi sopraffatti. Fortunatamente esistono aziende che offrono servizi ad hoc per le vendite online e supportano gli eCommerce nell’ottimizzazione dei loro tassi di vendita, come ad esempio ADDON Payments.

addon-payments

Questo gateway di pagamento è nato nel 2010 in Spagna dalla collaborazione tra CaixaBank, una delle più importante banche del Paese e Global Payments, la nota società americana specializzata in servizi tecnologici finanziari. Risponde alle necessità dei propri clienti eCommerce con checkout veloce e sicuro e plugin sviluppati per le più importanti piattaforme eCommerce esistenti nel mercato per velocizzare al massimo i tempi di integrazione.

Come funziona un gateway di pagamento?

La sua attività principale consiste nel fare da tramite di fiducia tra cliente ed eCommerce attraverso la gestione dei pagamenti e la garanzia della sicurezza dei dati. Oltre ad autorizzare i pagamenti richiesti dal cliente al momento dell’acquisto, nel caso di ADDON Payments, si occupa ad esempio anche di crittografare i dati sensibili forniti dall’utente per inoltrarli poi all’effettivo processore di pagamento in totale sicurezza ed essere cosi compliance allo standard PCI DSS.

Per aumentare il tasso di conversione, Addon Payments mette a disposizione: un check-out veloce con oltre 100 tipi di pagamenti alternativi a quelli tradizionali, per andare incontro alle esigenze di tutti i consumatori, un sistema antifrode con oltre 30 regole configurabili e in fine l’opportunitá di vendere in tutta Europa tramite il cross-bording che permette ai clienti all’estero di acquistare sugli shop italiani come se acquistassero in un negozio locale, grazie ad una tecnologia che riconosce il paese di origine dell’utente e gestisce il pagamento come se fosse una transazione domestica aumentando così il livello di accettazione della carta e di conseguenza il tasso di conversione. 

© Blog Qapla’, Riproduzione riservata

Share: